Seat

Seat: la nascita e il successo della casa iberica nel mondo

Seat è un marchio automobilistico con origine e sede a Martorell (Spagna), fondato nel 1950 e di proprietà del Gruppo Volkswagen dal 1986. Le sue iniziali erano originariamente l'acronimo di "Spanish Society of Tourism Automobiles". Seat ha iniziato la sua attività con l'obiettivo di motorizzare la Spagna del dopoguerra, producendo auto Fiat italiane su licenza, grazie ad un accordo tra la casa italiana e il governo spagnolo, dove cinque banche nazionali e lo stesso governo hanno contribuito investendo capitale.

Leggi tutto

Storia del marchio SEAT


Seat nasce su iniziativa del governo spagnolo, in coerenza con la politica autarchica stabilita dal regime del generale Franco, per motorizzare il Paese, che all'epoca aveva una media di 3,1 auto ogni mille abitanti. Il 9 maggio 1950 viene siglata davanti a un notaio la costituzione della società, in cui il capitale venne raccolto dall'INI e da 5 banche nazionali, mentre la tecnologia fu rilasciata dalla Fiat.
Il primo modello Seat è la Seat 1400, lanciato nel 1953 e progettato per ricoprire posizioni di rilievo nel governo nazionale. Si tratta di una berlina il cui nome deriva dalla sua cilindrata, alla pari di altri modelli Seat negli anni successivi. Nel 1957 sarebbe arrivata la Seat 600, conosciuta anche come "Seíta". Questa modesta auto, alla pari della 500 in Italia, nacque per essere venduta dentro ogni concessionario Seat allo spagnolo medio, al fine di mobilitare il Paese.
Negli anni successivi Seat auto ha continuato a produrre i successivi modelli Fiat su licenza del marchio italiano, come la Seat 850 che, prodotta a partire dal 1966, rappresentò una versione migliorata della 600 in cui la cilindrata era di 850 cm3 e la potenza di 42 CV, abbinate ad un maggiore spazio interno.
Nel 1972 sarebbe arrivata la Seat 127, un'altra delle pietre miliari della casa iberica e il suo primo veicolo utilitario a motore anteriore, una soluzione che fino ad allora era stata riservata alle berline di lusso come la 1400 e la 1500.

La graduale separazione da Fiat


Il successivo momento storico per Seat è stato il parziale disimpegno da Fiat e l'inizio del suo percorso come marchio semi-indipendente. La transizione che meglio rappresenta questo cambiamento è stata la riprogettazione della Seat Ritmo (un modello 100% Fiat) per diventare la Seat Ronda, in cui diversi pannelli della carrozzeria furono ritoccati e gli interni ridisegnati, per poter continuare a produrla secondo il nuovo accordo con la casa italiana.
Così come la Ritmo diventò la Ronda anche la Panda diventò la Marbella, e così via. L'intera gamma Seat ricevette un profondo "restyling" e cambio di nome, per consentirle di continuare a produrre con i nuovi standard e vendere dentro ad ogni concessionario Seat sul territorio.
Possiamo considerare la Seat Ibiza del 1984 come il primo veicolo davvero artefice della totale indipendenza della Fiat, e la prima vettura a lunga percorrenza interamente progettata e costruita dal marchio spagnolo. Le generazioni successive dell’Ibiza sono in vendita ancora oggi, rappresentando senza dubbio il modello di maggior successo del marchio in tutta la sua storia.

Seat e il Gruppo Volkswagen


Nel giugno 1986 la Volkswagen acquistò il 51% delle azioni della Seat auto, e prima della fine dell'anno la sua partecipazione raggiunse il 75%. Seat entrò a far parte del gruppo tedesco Volkswagen, che aprì le porte a una nuova era di cooperazione e trasferimento tecnologico. Il Gruppo Volkswagen infatti è uno dei più grandi al mondo, e sfrutta le sue sinergie per condividere tecnologia e stabilimenti produttivi tra le sue diverse gamme.
L'accordo con Volkswagen consentì a Seat di condividere meccanica, software e piattaforme, ponendo le basi per la produzione di veicoli di successo commerciale praticamente in tutta la gamma. Da allora, Seat appartiene al Gruppo Volkswagen AG, insieme agli altri marchi Audi, Skoda, Bugatti, Lamborghini, Bentley, Porsche (più altri brand produttori di camion e motociclette).

Scopriamo la gamma Seat auto


La gamma di modelli Seat compete nei segmenti di mercato più importanti, partendo da quello urbano con la piccola Mii. La sostituta del modello precedente, l'Arosa, non ha ottenuto lo stesso impatto sul mercato e numero di vendite di quel modello, ma rimane una delle migliori opzioni per girare in città.
Salendo un gradino nella gamma (consultabile sul configuratore Seat online) abbiamo l’Ibiza. La piccola urban della casa iberica è il veicolo più importante di Seat, sul mercato dal 1984. Da poco tempo è in vendita il nuovo modello, arrivato alla quinta generazione, che, oltre ad essere il migliore fino ad ora, lancia una nuova piattaforma e tecnologia per continuare ad essere il punto di riferimento nel suo segmento.
Se l’Ibiza è importante nella gamma Seat, la compatta Leon non è da meno. Questo modello è il secondo più venduto del produttore spagnolo, e condivide la tecnologia con Volkswagen Golf e Audi A3 ad un prezzo inferiore. La sua gamma è molto ampia, in quanto comprende le versioni 3 porte (Sport Coupé), 5 porte, family (Sport Tourer) e X-Perience. Inoltre, dobbiamo segnalare anche la versione più radicale Cupra, che a sua volta è il modello più potente mai prodotto dal marchio (personalizzabile sul configuratore Seat).
Uno dei modelli Seat auto più conosciuti è la Toledo. La berlina media dell'azienda spagnola, dopo una scarsa ricezione da parte del pubblico della terza versione, è tornata alla ribalta con una carrozzeria a 5 porte e un design che mescola le linee della Seat Ibiza e Leon. La sua gamma di modelli è spinta da motori Seat a metano, benzina e diesel, con potenze che raggiungono i 115 CV. Il design e le finiture dei suoi interni sono sobri, e la qualità generale dei materiali utilizzati è in linea con il suo prezzo.

L’offerta Seat per il segmento Suv e familiare


La gamma all-road di Seat si apre con la nuova Arona. Il piccolo SUV dell'azienda spagnola si sviluppa sulla moderna piattaforma MQB-A0, che dà vita anche alla nuova generazione di Ibiza e Volkswagen Polo. Per quanto riguarda le dimensioni aumenta lo spazio nel bagagliaio, ma non quello interno per i passeggeri.
Il modello più versatile della gamma reperibile in ogni concessionario Seat è rappresentato dal SUV Ateca. Da quando è arrivato sul mercato nel 2016 è diventato uno dei riferimenti di settore, combinando design dinamico, tecnologia di prim'ordine e comportamento su strada di alto livello. La sua gamma di motorizzazioni è molto ampia, con versioni Seat a metano, diesel e benzina fino a 190 CV. Inoltre, entro la fine dell'anno, verrà immessa sul mercato anche una versione ad alte prestazioni denominata FR (come la Leon, anche questa è personalizzabile sul configuratore Seat).
La gamma Alhambra chiude il listino Seat. Questo modello è un minivan spazioso e versatile, omologato per un massimo di 7 passeggeri. La prima generazione è arrivata sul mercato nel lontano 1996, ed è stata sostituita nel 2010 dalla generazione attuale. È il fratello gemello della Volkswagen Sharan e, nonostante sia un modello altamente consigliato per le famiglie, le sue vendite sono state eclissate dai più modaioli SUV della casa.
Chiudi

Modelli Seat

  • 133
  • Alhambra
  • Altea
  • Arona
  • Arosa
  • Ateca
  • Cordoba
  • El-Born
  • Exeo
  • Fura
  • Ibiza
  • Leon
  • Malaga
  • Marbella
  • Mii
  • Ronda
  • Tarraco
  • Toledo