Bentley

Bentley: la tradizione inglese resiste nei decenni

Bentley si è sempre distinta, nel corso della sua lunga storia, per la produzione di automobili dotate di un altissimo livello di classe, eleganza e prestazioni. L’unicità di questi modelli è riuscita a sopravvivere alle numerose difficoltà economiche che la casa ha incontrato nella sua lunga storia, arrivando fino ad oggi con una gamma di auto premium di altissimo livello. L’unione con Rolls Royce e con Volkswagen le ha permesso di proporre al pubblico modelli sempre nuovi, unici e forgiati nella tradizione.

Leggi tutto

Bentley: una casa inglese di grande lusso


Bentley è un produttore di veicoli di lusso fondato in Gran Bretagna il 18 gennaio 1919 da Walter Owen Bentley, meglio conosciuto con l'acronimo "W. O.". Il logo Bentley, rimasto praticamente immutato nel tempo, è costituito da due ali con all’interno un ovale con l’iniziale del suo fondatore. Le differenze cromatiche dei vari ovali sono state utilizzate per differenziare vari modelli nel corso degli anni.
Dieci mesi dopo la nascita del marchio, in ottobre, uscì sul mercato la Bentley 3 litri, il primo modello della casa: alimentato da un motore da 65 CV, era prodotto in un'officina vicino a Baker Street (Londra). È stata la prima vettura a presentare la caratteristica "B" alata del marchio sul davanti.
A metà degli anni '20 il produttore annunciò la costruzione di un nuovo modello, un sei cilindri da 6,5 litri. Come altre grandi case automobilistiche, la sua storia fu fortemente stimolata dallo scoppio della prima guerra mondiale, in cui Bentley svolse un ruolo importante nella produzione di motori aeronautici.
La produzione e l'assemblaggio di veicoli a quattro ruote iniziò dunque negli anni '20 con il modello 3 litri, dotato di lusso ed eleganza come valori principali e perfetto per soddisfare l'obiettivo dei fratelli Bentley: costruire veicoli di alta gamma dotati di motori con pistoni forgiati in alluminio. Nel 1931 il fallimento finanziario lasciò la Bentley nelle mani di Rolls-Royce, un produttore per il quale avrebbe iniziato a costruire motori. Nel 1998 la casa passerà nelle mani del Gruppo Volkswagen, mentre Rolls entrerà a far parte del BMW Group.

Bentley e Le Mans: un legame molto stretto


Prima della Grande Depressione del 1929 che avrebbe portato al fallimento della Bentley, Frank Clement e John Duff, rispettivamente tester del marchio e Capitano della Marina del Canada, gareggiarono al volante di una Bentley 3 litri nella prima edizione della 24 Ore di Le Mans, nel 1923. Sarebbero si classificarono solo quarti, la loro prestazione fu abbastanza convincente da convincere, un anno dopo, gli stessi fratelli Bentley ad aiutarli ufficialmente in gara. Avrebbero ottenuto il primo dei cinque trionfi per la firma della "B" alata nel decennio tra il 1920 e il 1930, qualcosa che servì a catturare l'interesse delle squadre private e ad inserire i loro modelli in gran parte delle posizioni di vertice della classifica generale.
Con l'obiettivo di celebrare l'80 ° anniversario del marchio, Bentley decise di tornare alla grande di endurance, nello specifico dentro alla categoria prototipi. Con la vettura da competizione creata per l’occasione, l'EXP Speed 8 LMP1, la casa inglese poté tornare sul podio nel 2002. Solo un anno dopo l'azienda britannica vinse ancora una volta la 24 Ore di Le Mans, essendo l'unico produttore insieme a Peugeot Sport che fu in grado di fermare la serie di vittorie raccolte da Audi Sport.
Nonostante Bentley non si sia impegnata troppo nelle competizioni nell'era moderna, attualmente partecipa alla Blancpain GT Series con diverse auto Bentley Continental GT3, sviluppate da M-Sport. Queste stesse auto hanno corso anche in due grandi eventi endurance del campionato GT: la 24 Ore del Nürburgring e la 24 Ore di Spa-Francorchamps (valida per la Blancpain Endurance Series).

I modelli più importanti nella storia di Bentley


Nonostante la semplicità dei suoi primi veicoli, l'azienda britannica si distinse per la sua caratteristica eleganza già dall'inizio della sua vita. A partire dalla Bentley 3 litri anche le soluzioni tecnologiche erano presenti in abbondanza: equipaggiata con un motore a quattro cilindri in linea, questo montava quattro valvole e due candele per cilindro, una disposizione in grado di massimizzare l'efficienza con i mezzi del tempo.
Nonostante la 3 litri fosse in produzione da quasi un decennio il modello erede, il 4,5 litri (o 4½), la sorpassò rapidamente, diventando uno dei modelli di riferimento alla fine degli anni '20, soprattutto tra le classi agiate dell'epoca. Per questo modello Bentley prezzo e prestazioni erano davvero fuori dal comune, rendendolo il più desiderato anche in confronto a modelli più nuovi come il problematico 6,5 litri e il fallimentare 8 litri. Tutto ciò si interruppe bruscamente con la prima grande crisi economica del marchio, che all'inizio degli anni '30 sarebbe stato acquistato da Rolls-Royce.
Sebbene sul grande schermo James Bond sia stato quasi sempre legato alle vetture Aston Martin, in “From Russia With Love”, per la prima volta 007 guida una Bentley Mk.VI.
L'arrivo della Rolls-Royce al timone dell'azienda fu accompagnato da design più sobri, tra cui spiccano le diverse versioni della Mk.V, così come la R-Type e la prima generazione della S-Type. La Mulsanne degli anni Ottanta fu fondamentale per rompere con l’estetica tradizionale portata avanti fino ad allora, con un'ispirazione che in parte ricordava i grandi veicoli americani dell'epoca. Il passaggio nelle mani del Gruppo Volkswagen fu una piccola rivoluzione nel design dei modelli Bentley: nel marzo 1991 fu introdotta la Bentley Continental R, il primo modello con un telaio unico dalla Continental Type-R del 1954.

La auto Bentley dell’era Volkswagen


Dal gennaio 1993, tutte le vetture hanno recuperato dalla tradizione Bentley logo ed estetica, per celebrare i 50 anni dall'acquisizione del marchio da parte di Rolls Royce. A metà del decennio vennero presentate la Azure, disegnata da Pininfarina, e la Continental T, che con 400 CV diventò il veicolo più potente del costruttore.
Nel 1998 Volkswagen annunciò un investimento di 500 milioni di sterline in Bentley, impegnandosi nello sviluppo di un nuovo modello e separando il marchio da Rolls-Royce dopo ben 67 anni di collaborazione. Nel settembre 1999 venne lanciata la Bentley Arnage Red Label, aggiornata con il famoso motore V8 da 6,75 litri.
Sebbene veicoli come l'Arnage o la Mulsanne abbiano mantenuto per tanti anni della Bentley prezzo, estetica e la caratteristica calandra quadrata sul frontale, veicoli più recenti come la Continental GT, la Bentayga o la Flying Spur hanno dimostrato che Bentley può anche unire lusso e alte prestazioni con linee fluide e dinamiche.
Ad oggi il listino Bentley Italia è più ricco che mai, con i tre modelli appena menzionati che competono rispettivamente ne segmenti premium coupé, ammiraglia e SUV di grandi dimensioni. Prima ancora di andare in un qualsiasi concessionario è possibile trovare sul sito Bentley configuratore e showroom virtuale, in modo da scoprire tutti i dettagli di queste supercar direttamente dal proprio smartphone.
Chiudi

Modelli Bentley

  • Arnage
  • Azure
  • Bacalar
  • Bentayga
  • Brooklands
  • Continental
  • Flying Spur
  • Mulsanne
  • Turbo R