L’utilità in sé è tutta da verificare. Formalmente crossover, nella pratica una citycar dalla carrozzeria con richiami al mondo di quei modelli che, una minima velleità di passaggio sugli sterrati, la possono vantare. Ford Ka+ Active arricchisce l’offerta della segmento A, un prodotto in grado di offrire spazio per i passeggeri e volume nel bagagliaio buoni per rivaleggiare con alcune utilitarie. D’altronde, i 3 metri e 93 centimetri di lunghezza, prima quota delle dimensioni di Ford Ka+, è ampiamente al di sopra le canoniche citycar da 3 metri e 60. L’allestimento Active personalizza lo stile della Ka+ introducendo una calandra dai contorni scuri, plastiche che si ripetono a protezione dei paraurti, delle soglie sottoporta, dei passaruota. Nell’insieme è un trattamento riuscito, grazie anche alle barre portatutto. A giustificare l’appartenenza alla fascia alta della gamma Ka+ troviamo anche i cerchi in lega da 15 pollici.

Non finisce qui la personalizzazione, oltre lo stile arrivano interventi sull’assetto. Il corpo vettura è più alto di 23 millimetri, un vantaggio ulteriore per la posizione di guida rialzata, abbinato a nuovi ammortizzatori, dallo smorzamento più progressivo, merito dei finecorsa idraulici. Una barra antirollio dal diametro maggiorato e una taratura modificata del servosterzo, completano l’adeguamento di Ford Ka+ in Ford Ka+ Active.
Ai contenuti tecnici si abbina una dotazione che conta il parabrezza riscaldato QuickClear, i sensori luci e pioggia per l’automatismo relativo sui gruppi ottici e i tergicristalli, la possibilità di dotare la Active dei sensori di parcheggio, dei sedili riscaldabili e del climatizzatore automatico. Accessori da utilitaria vera e propria, più che da citycar.

Motori di Ford Ka+ Active, benzina 3 cilindri e TDCi

Accanto al nuovo allestimento Active – nei prossimi mesi arriverà su strada anche la Fiesta Active – si aggiorna l’offerta Ka+, con l’arrivo del motore 3 cilindri 1.2 litri da 70 o 85 cavalli, il Ti-VCT avrà un’efficienza e prestazioni migliori del precedente Duratec 1.2 litri di pari potenza, giacché svilupperà il 10% di coppia in più tra i 1.000 e i 3.000 giri/min e ridurrà i consumi del 4% (dovremmo avvicinare il limite dei 6.3 litri/100 km). La specificità del tre cilindri benzina sta nell’albero motore decentrato, soluzione che permette di eliminare le vibrazioni tipiche dei 3 cilindri senza ricorrere a un contralbero di equilibratura, nella fasatura variabile e l’utilizzo di una pompa dell’olio a portata differenziata. Su Ford Ka+ Active avremo anche il turbodiesel 1.5 TDCi nella versione da 95 cavalli e 215 Nm di coppia, per certi versi una soluzione in controtendenza, in una fase che vede la progressiva scomparsa dei motori Diesel dai segmenti di mercato inferiori, citycar e utilitarie.

L’uscita sul mercato di Ford Ka+ Active e dell’offerta aggiornata 2018 di Ford Ka+ è attesa nei prossimi mesi, con un prezzo di listino che, in Germania, è stato fissato in 9.900 euro. Non mancherà l’offerta dell’infotainment SYNC 3 con schermo da 6,5 pollici, di tipo touch e comandabile anche attraverso istruzioni vocali (compatibilità consueta con Apple CarPlay e Android Auto), affiancato dalla Ford MyKey (possibilità di programmare un limite di velocità dell’auto, un limite al volume dello stereo e impedire l’esclusione del controllo elettronico di stabilità) e dall’adozione del pulsante d’accensione in plancia. Rivisto anche il meccanismo di apertura del bagagliaio: non solo dall’abitacolo ma anche da un pulsante sotto il logo Ford. Il vano resta invariato a 270 litri di volume.

Commenta con Facebook

commenti