Si è affacciata al Salone di Francoforte presentando il biglietto da visita del motore 2.0 TSI da 310 cavalli. Mai così tanti su una Seat Leon Cupra. Il “record” valeva l’assegnazione della lettera R per distinguerla dalla versione normale, già di per sé completa del corredo tecnico necessario per divertire e regalare prestazioni. Adesso, Leon Cupra R si appresta all’uscita sul mercato, entro fine anno, che vuole dire ancora poche settimane di attesa. Lo farà con una scheda tecnica che vede il motore 2.0 TSI benzina da 310 cavalli il fulcro intorno al quale ruotano tutta una serie di accorgimenti mirati all’incremento delle doti dinamiche. Sviluppa 10 cavalli più dell’applicazione su Leon Cupra e, uguale potenza, la Cupra R la esprimerà con la trasmissione DSG 6 marce.

La diversa erogazione del 2 litri è figlia di una mappatura ad hoc e la potenza massima è ottenuta 300 giri/min più in alto, a 6.500 giri/min. Sul fronte della trasmissione, rinunciare alla manciata di cavalli della variante manuale consentirà di recuperare velocità d’esecuzione su un altro fronte, delle cambiate. Il DSG 6 marce snocciola i rapporti più in fretta e, in modalità di guida Sport e Cupra R, i passaggi di marcia sono ancor più rapidi. Il dato prestazionale non deve passare unicamente dal motore e dalla disponibilità di cavalli. Rispetto a Seat Leon Cupra, l’efficienza aerodinamica è migliorata dal 12,5% grazie alle nuove appendici, con inserti in fibra di carbonio, tra splitter, minigonne, spoiler e finto diffusore. Migliore efficienza vuol dire prestazione superiore alle alte velocità, con una riduzione del drag.

Al volante si percepiranno chiare le differenze del camber negativo portato a -2° sia sulle ruote anteriori che posteriori, l’irrigidimento dei supporti motore e del cambio, l’incremento delle carreggiate anteriori, a 1.530 mm, e delle posteriori a 1.593 mm. L’assetto a controllo elettronico, DCC, è di serie, irrigidisce le sospensioni in funzione del profilo scelto dal Seat Cupra Drive Profile, tra i 5 disponibili. Fondamentale è, poi, la presenza del differenziale autobloccante, composto da lamelle controllate elettronicamente e ad attuazione idraulica, la cui chiusura porta a trasferire fino alla totalità della coppia su una singola ruota, quella con miglior aderenza.

Un contributo importante alle sensazioni al volante lo offriranno le gomme Michelin Pilot Sport Cup 2, “accessorio” a richiesta, montate su cerchi da 19 pollici che sono, invece, di serie. Come i particolari estetici color rame, a definire la Leon Cupra R, tanto all’esterno quanto a bordo, con cuciture su sedili, rivestiti in Alcantara e e plancia. Quanti vorranno lasciarsi tentare dovranno fare in fretta, perché Seat realizzerà solo 799 esemplari di Leon Cupra R, 300 dei quali con cambio DSG 6 marce e 499 con il manuale. Tutti beneficeranno dell’impianto frenante Brembo, composto da dischi maggiorati, che dai 340 mm di diametro passano a 370 mm.

Commenta con Facebook

commenti